Al Sasso

foyer

L’esperienza del Foyer Al Sasso prende avvio nei primi anni ottanta (1983) con l’apertura di uno spazio d’accoglienza per 5 persone sul territorio di Locarno; la casa prende il nome della strada ma si ispira pure alla posizione geografica, infatti era edificata ai piedi di uno sperone roccioso (Sasso) su cui sorge il Santuario Madonna del Sasso.
Agli inizi degli anni novanta, l’abitazione d’origine è stata progressivamente sostituita da una serie di proposte abitative diversificate mediante appartamenti, per meglio rispondere alle nuove esigenze sociali. Oggi il Foyer Al Sasso dispone di più unità abitative distribuite nella zona di Solduno ed offre il servizio a 22 persone.

Il progetto del foyer si rivolge in prevalenza verso quelle persone con una problematica mentale, ciò nonostante la tendenza degli ultimi anni sembra presentare una maggiore domanda da parte di giovani adulti con un disagio psichico.
Le persone ospitate alloggiano in 8 appartamenti di varie grandezze situati nelle principali vie del comune, organizzati per accogliere piccoli gruppi e singole persone in monolocali; gli ambienti offrono all’utenza, oltre che aree comuni, spazi privati (camere) e tutto quanto un luogo di vita presenta.
L’evoluzione progettuale ha ridefinito nel tempo la composizione dell’équipe che oggi si compone di figure professionali con tempi di lavoro parziali che si situano dal 50% al 80% per un totale di 11 operatori sociali e 1 responsabile di struttura. Al personale si aggiungono periodicamente figure quali stagiaires in formazione e servizi civili. Inoltre una persona si occupa della cura (pulizie) degli ambienti comuni attingendo ad un monte ore annuale.

La proposta progettuale della struttura ha mantenuto nel tempo una necessaria attenzione alle esigenze locali espressa dalla popolazione di prossimità e dei comuni limitrofi, nonché a sollecitazioni provenienti dalle diverse aree geografiche del Cantone.
Questa importante relazione di scambi e collaborazioni maturata con la cittadinanza, gli enti e le associazioni, attraverso l’idea della delocalizzazione degli appartamenti, ha mosso una serie d’iniziative mirate a fornire risposte sempre più specifiche e attuali, personalizzando e favorendo principi quali l’autodeterminazione, l’autostima e l’autonomia della persona accolta; l’impostazione così come indicata ha stimolato una profonda trasformazione socio educativa a favore dell’utenza.

22 posti per persone con età superiore ai 18 anni, di cui 15 in ”Foyer” e 7 in “Appartamento Protetto“, nonché un monte ore variabile per il sostegno abitativo.
L’ammissione alla struttura è subordinata all’iscrizione ad una lista di attesa.

Informazioni pratiche

AL SASSO
Via Streccione 2
6600 Solduno
Mappa 

Tel. 091 752 14 40
sasso@f-diamante.ch

chiuso nei giorni lavorativi
dalle 9.00 alle 16.00

Reponsabile: Massimiliano Mersi
massimiliano.mersi@f-diamante.ch

Cartina